L’evoluzione del terrorismo islamico

Dalle Primavere arabe al ritiro americano dalla Siria (2011-2020)

Autore: Davide Fiammenghi (a cura di)
Collana: Saggi
Anno: 2020
Pagine: 330
Cartaceo: acquistalo su Amazon.
eBook: acquistalo da questa pagina in versione ePub, oppure su Amazon in versione Kindle.

Cos’è cambiato nel credo e nelle pratiche dei terroristi islamici durante l’ultimo decennio? Dalla metà degli anni 1990, al-Qaeda ha promosso una linea di conflitto con l’Occidente tramite spettacolari attentati (come quelli dell’11 settembre del 2001), rimandando al medio-lungo periodo la formazione di una entità statuale islamica. Dal 2011, le Primavere Arabe permettono ai gruppi sunniti-salafiti in rotta con la strategia di al-Qaeda di instaurare uno stato ispirato ai principi del fondamentalismo e di organizzare una brutale repressione (a tratti genocida) degli sciiti e di altre sette accusate d’apostasia. Lo sforzo di consolidamento territoriale e la natura prevalentemente settaria del conflitto si accompagnano a un mutamento nella dinamica degli attentati in Europa: rispetto a quelli di al-Qaeda, gli attacchi si fanno ora meno organizzati e spettacolari; sono perpetrati da giovani, spesso disadattati, che agiscono con mezzi artigianali. Se l’esperimento dello «Stato Islamico» pareva essere tramontato, le rivalità degli attori vicino-orientali (dalla Siria di Assad alla Turchia di Erdoğan) coinvolgono i curdi, che erano stati primariamente attivi nella lotta contro lo Stato Islamico, e suscitano timori di un ritorno del terrorismo nella regione. Intanto, il processo di radicalizzazione che era già in atto in varie parti del mondo prosegue, e i gruppi terroristici di matrice islamica guadagnano consensi e si espandono dalla Palestina fino all’Africa sub-sahariana.
Il volume prende le mosse da questi mutamenti e raccoglie saggi scritti da studiosi di varie discipline (africanisti, esperti terrorismo, islamisti, scienziati politici), con lo scopo di offrire una panoramica scientificamente rigorosa, ma accessibile al lettore non esperto, della evoluzione del terrorismo islamico durante l’ultimo decennio.

COD: (ISBN) 978-88-31327-07-7

8,99

Scopri di più

Dalla quarta di copertina:

Com’è cambiato il terrorismo islamico dopo le Primavere arabe del 2011? Questo volume collettivo ne analizza gli sviluppi, dall’effimero e brutale esperimento dello Stato Islamico all’inquietante fenomeno dei “lupi solitari” in Europa, dall’intrecciarsi della minaccia terroristica con le questioni curda e palestinese sino al proliferare delle organizzazioni terroristiche in Africa.

Autore

Autore

Davide Fiammenghi

Bio

Davide Fiammenghi ha conseguito il dottorato di ricerca in scienza politica presso l’università. di Bologna (2010). Ha insegnato presso la facoltà di scienze politiche “Cesare Alfieri” di Firenze, a Ca’ Foscari, Venezia, e attualmente insegna “Conflitti internazionali” presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’università di Bologna (campus Forlì). Ha pubblicato articoli su riviste italiane e straniere, fra cui International Politics, International Security e Rivista Italiana di Scienza Politica.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’evoluzione del terrorismo islamico”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.