Perché Sanremo è Sanremo

Guida sentimentale al Festival e al suo pubblico

Autore: Adriano Pugno, Vittorio Polieri
Collana: Saggi
Anno:
2022
Pagine: 140

1986. Loredana Bertè si esibisce con un pancione finto.
1995. Pippo Baudo salva un uomo che minaccia di buttarsi dalla balconata.
2010. Il televoto premia Italia amore mio e l’orchestra getta gli spartiti.
2020. Le brutte intenzioni, la maleducazione.

Questi e altri mille sono i motivi per cui Sanremo è Sanremo, e saranno tutti analizzati, sviscerati, mistificati o presi davvero sul serio nel volumetto che avete tra le mani. Un viaggio nell’evento televisivo per eccellenza, che ha toccato vette altissime ed è crollato sotto i colpi dei reality, per poi rialzarsi più forte che mai grazie agli ultimi: i Millennials.
Dai Jalisse a Bugo & Morgan, da Pippo Baudo ad Amadeus, in questo libro Polieri e Pugno raccontano Sanremo non solo come fenomeno musicale e di costume, ma anche come rifugio di una generazione: sono i trentenni ad aver salvato il Festival o è il Festival ad aver salvato loro?

Durante le serate del Festival gioca con noi! Per rendere l’esperienza del libro ancora più interattiva abbiamo creato il Vessicchiòmetro, strumento insieme democratico e personalissimo, giusto e spietato, simpatico e autorevole, un po’ come il nostro venerabile Maestro. Clicca qui per far parte della nostra giuria demoscopica!

COD: (ISBN) 978-88-31327-21-3

15,00

Scopri di più

Guarda la presentazione in anteprima

Dalla quarta di copertina:

1995. Pippo Baudo salva un uomo a cavalcioni sulla balconata.
2010. L’orchestra insorge contro il brano di Pupo ed Emanuele Filiberto.
2020. Le brutte intenzioni, la maleducazione.

Questi e altri mille sono i motivi per cui “Sanremo è Sanremo”, e il libro che avete tra le mani
li prende tutti sul serio.
Un Festival che ha toccato vette altissime ed è crollato sotto i colpi dei reality, per poi rialzarsi più forte che mai grazie ai millennials. Polieri e Pugno raccontano Sanremo non solo
come fenomeno musicale e di costume, ma anche come rifugio di una generazione: sono i trentenni ad aver salvato il Festival o è il Festival ad aver salvato loro?

Autore

Autore

Adriano Pugno, Vittorio Polieri

Bio

Dopo aver frequentato la facoltà di Lettere, Vittorio Polieri si è diplomato alla Scuola Holden e oggi lavora nella redazione di Che tempo che fa (Rai3), il talk condotto da Fabio Fazio.
Ha lavorato per il Salone Internazionale del Libro di Torino e come content creator per la Scuola Holden. Si è occupato di comunicazione per soggetti privati e ha curato le relazioni esterne per il Google Developer Group – Torino. Scrive di letteratura, cinema e televisione per la rivista culturale «Tropismi».

Dopo la Laurea Magistrale in Lettere, Adriano Pugno si è diplomato alla Scuola Holden dove lavora occupandosi della didattica di Academy, il nuovo percorso universitario.
Ha cofondato la rivista culturale «Tropismi» e ha già scritto per Edizioni Epoké il saggio Hanno ucciso l’Uomo Gatto (2019). Ha scritto articoli su letteratura, musica e televisione per «Repubblica» e «Vice». I suoi racconti sono stati pubblicati da «Narrandom», «uonnabi», «Malgrado le mosche» e «La Stampa».